Consigli di trading online per principianti

XT_World_Trade_300x250_IT

Trading online vuol dire letteralmente “negoziazione telematica”, ovvero negoziazione digitale di titoli finanziari. È un servizio fornito da alcune società finanziare autorizzate dalla Consob che mette a disposizione dei clienti un programma o una piattaforma online in grado di visualizzare, acquistare e vendere i titoli presenti su numerosi mercati borsistici italiani ed esteri.

Queste società chiedono una commissione su ogni ordine di acquisto e di vendita inviato in Borsa. Esse possono essere banche e offrire anche servizi bancari specifici come conti remunerati, carte di credito, prestiti e altro, oppure società estere dette Sim specializzate solo nel trading online.

Trading Online: come si inizia

Prima di aprire un conto di trading fissate i vostri obiettivi: una volta acquisiti tecnica e dimestichezza coi meccanismi di trading sarà tutto più semplice. Si consiglia comunque di investire non oltre il 10% della propria liquidità.

Il secondo step è lo studio del trading attraverso libri, corsi di formazione ed eventi formativi. Con un piccolo investimento iniziale puoi avere un primo contatto con questo mondo e carpirne i segreti.

Pertanto vi segnaliamo l’Annuario del Trading Online Italiano, che raccoglie in un unico libro tutte le informazioni utili, dai broker ai siti, dalla formazione alle manifestazioni.

Consigli Trading Online: vincere e perdere

Il trader deve studiare tecniche e conoscere bene il mercato in cui intende investire ma anche darsi delle regole. Ovvero, fissare un obiettivo realistico di guadagno e vendere i titoli che non fruttano più, tenere quindi sotto controllo le perdite e non mediare al ribasso, cioè acquistare altri titoli a prezzi più bassi per ridurre il prezzo medio di carico, metodo rischioso che potrebbe rendere le perdite ancora più importanti. In questo caso si consiglia di chiudere l’operazione.

Ma quanti soldi servono per iniziare a giocare in Borsa? Alcuni broker consentono di aprire conti anche con soli 50 euro, altri richiedono cifre e offrono depositi anche molto alti ma è estremamente rischioso inviare ordini al mercato con quote superiori rispetto a quelli che si possiedono in realtà.

In linea di massima se i mercati o i singoli titoli azionari si muovono dell’1% e il trader ha investito 1.000 euro avrà guadagnato 10 euro, con 10.000 euro il guadagno diventa 100 euro, con 100.000 è di 1.000 euro e così via. Ricordiamo, inoltre, che in caso di fallimento, le banche rimborsano fino a 100.000 euro, mentre le Sim fino a 20.000 euro.

Trading Online: Come scelgo il broker che fa per me?

La scelta del broker dipende da ciò che hai intenzione di fare e da quali servizi vuoi ricevere: se preferisci tutti i vantaggi del conto corrente bancario o di deposito scegli le banche online se vuoi, invece, focalizzare la tua attenzione solo sul trading opta per le Sim.