Analisi tecnica trading in Italia: il punto della situazione

XT_World_Trade_300x250_IT

Il trading online in Italia non ha ancora attecchito come in altri paesi occidentali. Solo negli Usa, il trading online ha assunto proporzioni quasi devastanti. Sono una decina i milioni di conti dedicati proprio a questa attività mentre in Italia il movimento dei trader è in costante crescita ma non ha ancora raggiunto le proporzioni di altri paesi europei come Germania, Francia ed Inghilterra. In Italia sono davvero pochi quelli che fanno solo questa attività come lavoro a differenza degli Usa dove si contano a milioni i trader professionisti che realizzano guadagni importanti ogni giorno, dopo aver sviluppato tecniche e metodologie assai efficaci.

Non si può non sottolineare il fatto che in Italia il movimento dei trader sta emergendo con forza negli ultimi anni e sono in costante crescita anche il numero degli operatori finanziari e delle banche che offrono servizi di trading online ai propri clienti. Per fare trading molti operatori italiani si servono anche delle piattaforme create appositamente da società autorizzate anche per la semplicità dell’utilizzo e la facile comprensione dell’interfaccia. Plus 500 è uno degli operatori che gli italiani prediligono poiché consente anche ad utenti meno esperti di poter operare sul mercato in tutta tranquillità. Sulle piattaforme di trading online è possibile aprire posizioni sui titoli principali dei mercati di tutto il mondo.

Attraverso le opzioni binarie è possibile effettuare delle semplici ‘scommesse’ sui movimenti al rialzo e al ribasso dei titoli bancari, delle materie prime e delle società più quotate di tutto il mondo, speculando sulle oscillazioni di valore. Solo nel 2016 è stato registrato un incremento del 23% del numero di italiani che ogni giorno operano sulle piattaforme online. Tra le regioni che vantano la maggiore quantità di investitori spiccano Lombardia e Lazio, mentre la Sicilia è il fanalino di coda. E’ cresciuta a dismisura anche la presenza di corsi specifici mirati a preparare nuovi trader e a dotarli degli strumenti necessari per poter operare sul mercato in modo competente, evitando di incorrere in copiose perdite di denaro. Coloro che oggi fanno trading sono interessati ai profitti, ma non solo. Seguono i corsi con l’intento di affinare le proprie strategie per migliorare le performance ed essere consci dei rischi che il mercato può presentare. Per questa ragione molti broker hanno realizzato delle vere e proprie piattaforme di e-learning che attraverso le video conferenze mirano a trasferire le nozioni base per operare in modo quasi ‘scientifico’, offrendo strategie per trarre profitti costanti e corposi.